Gen 182018
 

L’Istituto Maria Ausiliatrice di Giaveno anche quest’anno aderisce al concorso “Change yourself and ciak” promosso da Croce Rossa Italiana e Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca. Le classi 2A e 2B incontreranno infatti, nel mese di gennaio, i Giovani della Croce Rossa Italiana per avvicinarsi al tema dei cambiamenti climatici, disastri umanitari che ne conseguono e relativa riduzione del rischio.

 

Ma cos’è “Change yourself and ciak”?

Torna anche quest’anno, per la VI edizione, il concorso nazionale “Change yourself and ciak!”, indetto in collaborazione con il MIUR, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, con cui la Croce Rossa Italiana cerca di sensibilizzare gli studenti sui cambiamenti climatici, sui disastri umanitari che ne conseguono e sulla relativa riduzione.

Il concorso è rivolto a tutti gli studenti delle scuole primarie e secondarie che abbiano seguito un incontro con i Volontari CRI sulla tematica, incentivando la loro creatività ed immaginazione, dal momento che è richiesta non solo la creazione di materiale audiovisivo o fotografico, ma anche la realizzazione di disegni e racconti che traggano spunto dagli effetti dei cambiamenti climatici sull’uomo e dai rischi del territorio in cui vivono, con particolare attenzione al tema della prevenzione. Tema infatti principale quest’anno è “il rischio idrogeologico e i nonni: l’evoluzione della prevenzione”. Una delle cause più ricorrenti di vulnerabilità umana sembra essere il susseguirsi di catastrofi naturali quali in particolare le alluvioni che mettono a rischio circa il 70% del territorio nazionale, oltre che altri fenomeni quali maremoti, frane e smottamenti. Perciò in un momento in cui l’Italia non è estranea a questi fenomeni climatici, causati in gran parte dallo sfruttamento intensivo della Terra da parte dell’uomo, l’iniziativa appare più che mai attuale. Accompagnati dai Volontari della Croce Rossa Italiana, “Change yourself and Ciak!” offre, quindi, agli studenti la possibilità di mettersi in gioco ed al contempo di affrontare in maniera innovativa i cambiamenti climatici e i rischi dei disastri alla scoperta di questa nuova sfida umanitaria.

Sorry, the comment form is closed at this time.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: